Sito per donne lesbiche

Stare tra donne



Esegui il login per partecipare

Stare tra donne
utente marinadolce

LellaPraticante
Eta': 55
Provincia': Milano
Citta': Milano
Risposte: 129
[ Domenica, 28 Gennaio 2018 22:46:02]
Mi stavo chiedendo come mai questo portale è quasi sempre semi deserto...poco partecipato...l'universo donna è così variegato che davvero non riesco a capire questa scarsa propensione al confronto. Stare Tra Donne dovrebbe essere un piacere, specie qui, in un portale dedicato, dove le eventuali intrusioni moleste vengono abbastanza prontamente eliminate e sono comunque abbastanza rare...
utente marinadolce

LellaPraticante
Eta': 55
Provincia': Milano
Citta': Milano
Risposte: 129
[ Domenica, 28 Gennaio 2018 23:03:38]
...C'è chi sostiene che molte preferiscono le chat gratis delle conoscenze mordi e fuggi...io ne sono letteralmente scappata, volgarità e profili falsi la fanno da padrone...ma è così bello conoscersi e confrontarsi fra di noi, molte potranno essere anche un pò titubanti, ma qui veramente non riesco a capire tutta questa difficoltà ad aprirsi...
 
utente Imissyou

SuperLella
Eta': 48
Provincia': Milano
Citta': Milano
Risposte: 3.557
[ Domenica, 28 Gennaio 2018 23:48:02]
marinadolce Domenica, 28 Gennaio 2018 risponde:
Mi stavo chiedendo come mai questo portale è quasi sempre semi deserto...poco partecipato...

Non è sempre stato così

Dirti perché molte sono scappate dal forum non so!

Potrebbero essere scappate all'estero come i cervelli Italiani disoccupati?
Dato che ci si può collegare da tutto il mondo, penso non sia la vera ragione del fuggi fuggi dal sito!
Boh. ..peccato!

Ciao e alla prossima.
 
utente Blackperson

LellaFedele
Eta': 40
Provincia': Olbia Tempio
Citta': Olbia
Risposte: 186
[ Lunedi, 29 Gennaio 2018 15:03:26]
Io frequento e scrivo solo su questo forum perchè è fatto bene ed è tranquillo, non ho mai avuto sorprese spiacevoli, anzi. Quindi dispiace anche a me che siano tutte sparite. Sarà a causa del surriscaldamento globale ? Tutte sparite come i moscerini ? Fino ad un decennio fa bastava fare qualche chilometro per riempire il vetro della macchina, era anche un problema, non venivano via, bisognava mettere un prodotto specifico nell' acqua dei tergicristalli. Oggi puoi fare tutti i chilometri che vuoi ma non trovi un moscherino neanche con la lente d' ingrandimento. La cosa è preoccupante.
 
utente marinadolce

LellaPraticante
Eta': 55
Provincia': Milano
Citta': Milano
Risposte: 129
[ Lunedi, 29 Gennaio 2018 22:26:13]
Beh, ma che molte delle iscritte di vecchia data si siano ad un certo punto defilate ci sta, anche io dopo aver partecipato anche con entusiasmo ad altri forum per anni, ad un certo punto ho smesso di scriverci, anche se vado ogni tanto a dare un'occhiata alle discussioni...credo sia anche fisiologico dopo un certo periodo, le situazioni di vita cambiano e il più delle volte vengono a cessare le motivazioni che ci avevano spinto all'inizio.
Quello che non capisco è la latitanza delle nuove iscritte...tranne rarissime eccezioni, non c'è praticamente avvicendamento, a partecipare alle discusioni sono sempre le stesse...ogni giorno ci sono nuove iscritte, ma neanche si presentano...ma perchè? Magari si affacciano in chat, provi a contattarle e spariscono all'istante! Questo portale offre una opportunità di conoscersi in tranquillità, basta essere sincere e si viene accolte come in una famiglia, è proprio un peccato che non venga sfruttata...
 
utente silverflag66

LellaPraticante
Eta': 51
Provincia': Piacenza
Citta': Agazzano
Risposte: 105
[ Lunedi, 29 Gennaio 2018 22:27:00]
Si dice "tre donne fanno un mercato" .....forse oggi questo detto non è più valido : io mi sono iscritta nel 2011 è stato il mio primo sito lello, e ogni tanto ritorno non frequento chat istantane perche come avete scritto sono pessime. Io ho sempre scritto poco mi piace leggervi , in effetti in poche scrivono, qui ho conosciuto amicizie molto belle mi ha portato anche relazioni, è un pò un rifugio per me. Anni fa era molto diverso però penso che vada anche a momenti, per le persone che ci sono iscritte altro che mercato ma un centro commerciale ci dovrebbe essere
 
utente michi68

LellaPraticante
Eta': 49
Provincia': Roma
Citta': Roma
Risposte: 62
[ Lunedi, 29 Gennaio 2018 23:31:02]
Ciao a tutte e bentrovate.
Vedo che il quesito ricorre ciclicamente, ogni tot ci si ripropone come i peperoni. Anch’io me lo sono posta appena iscritta circa una annetto fa e ne ho fatto un topic, ne abbiamo discusso abbondantemente. Che ci stiamo a fare qua se non scriviamo?
Ecco girls, mo’ che ho maturato un minimo di anzianità nella condizione, vi propongo una chiave di lettura forse un po’ tranchant, ma che potrebbe essere abbastanza calzante con la realtà attuale (secondo il mio modesto parere).

Per la stragrande maggioranza delle utenti, questo posto virtuale è una sorta di refugium peccatorum al quale si ricorre nel momento del bisogno. Soddisfatto il bisogno, sparisce lo stimolo. Tutto qua, sintetizzando al massimo.

Se poi vogliamo andare più in profondità, se non altro per alimentare e vivacizzare un po’ il dibattito, possiamo teorizzare sulla natura del bisogno, passando obbligatoriamente per una disamina di questo meraviglioso “universo variegato” di donne. Ecco, secondo le mie osservazioni tanto di sto sito quanto nella quotidianità, il meraviglioso mondo delle lesbiche si potrebbe “variegare” in due grosse macro categorie (all’interno delle quali ci sono poi tante sfumature).
Nella prima sono incluse le donne che hanno la zampetta del cromosoma ics monca, deprivata per un difetto genetico del corredo mentale e sensoriale femminile (sono d’accordo con Blackperson). Sono i maschi mentali versione basic se a tale versione aggiungiamo l’add-one del narcisimo maligno, otteniamo la versione premium.
Nella seconda categoria sono incluse le cacasotto-cacacaxxi, con mille sfaccettature differenti (un po’ più cacasotto e un po’ meno cacacaxxi, molto cacacaxxi e un po’ meno cacasotto e via discorrendo). Questa è in assoluto la categoria più rappresentata e popolata, ma anche quella dei maschi mentali (nelle due varianti basic e premium) si difende bene.
L’appartenenza ad una delle due categorie determina la natura del bisogno.

Il maschio mentale basic, essendo biologicamente parametrizzata come un uomo, ha il chiodo fisso del sesso fine a se stesso, non scrive niente perché non ha niente da dire, si aggira silente nel sito per selezionare grossolanamente le fortunate destinatarie dei propri messaggi, preparati con sapiente cura in dolce stilnovo e carichi di significato, in genere del seguente tenore: Ciao, come stai?
Il maschio mentale premium non è solo alla ricerca di sesso, bensì di prede da cui approvvigionarsi dei rifornimenti narcisistici di cui necessita, prede di cui sono verosimilmente e momentaneamente sprovviste nella vita e che sono venute a mancare improvvisamente. In tal caso scrivono per gettare l’amo in attesa che qualcuna abbocchi. A differenza del maschio mentale nella sua versione basic, è un’adulatrice, sa come irretire la preda.
Volendo dettagliare un profilo più completo, l’esemplare di maschio mentale narcisista ha un’elevata attitudine al tradimento compulsivo e alla menzogna spudorata. È ambigua, lascia spazio ad ogni interpretazione per poter gestire al bisogno la situazione, affermare tutto e il contrario di tutto, e ciò la rende capace di esercitare un fascino potente sulle proprie prede (attentamente selezionate in via prioritaria tra le cacasotto-cacacaxxi per la loro fragilità).
Se vi trovate a rimuginare spesso su una serie di comportamenti che si prestano a molte interpretazioni nell’inutile tentativo di dare un significato oggettivo, o a rimanere sorpresa per un atto mancato (che so, una telefonata o un messaggio che non arriva senza una motivazione valida), a colpevolizzarvi per qualcosa di innocente che avete detto o fatto, e tutto ciò non è episodico ma sistematico, siete con ogni probabilità di fronte al maschio mentale narcisista.
Da un punto di vista comportamentale, è difficile riconoscerle subito, si mimetizzano perfettamente tra le persone normali, sovente conducono una vita frenetica, si massacrano in palestra, al lavoro, sono iperattive e sempre in movimento. Dormono pochissimo. Tendono ad avere atteggiamenti seduttivi con chiunque. Le potrete individuare per esempio se notate che non vi chiedono mai qualcosa di voi, della vostra quotidianità, come state, se non in modo conformisticamente rappresentato e non perché siano realmente interessate (non gliene potrebbe fregare di meno).
Sono autodirette e non si legano mai profondamente con nessuno.
Se vi avvicinate sentimentalmente e sottolineo sentimentalmente, a queste persone, avete un problema e rivolgetevi subito e senza esitare ad un bravo specialista (con comprovata esperienza almeno trentennale sennò è inutile).
Se appartenete voi stesse a questa categoria, non ne avete la minima consapevolezza quindi è inutile continuare a parlarne.

La categoria delle cacasotto-cacacaxxi approda qua per dare sfogo alla frustrazione derivante dalla mancata accettazione della propria omosessualità o dai traumi derivanti da precedenti esperienze sentimentali devastanti nei casi più disperati, entrambe le circostanze coesistono.
Queste donne hanno delle resistenze formidabili, combattono quotidianamente una lotta contro le proprie emozioni e sentimenti, somatizzano tutte le loro paure nel tentativo di reprimerle. Nel momento in cui le resistenze smettono di resistere, esauste, eccole, le cacasotto, che si affacciano e timidamente scrivono qualcosa, ma solo per liberarsi momentaneamente del peso che si portano dietro, giusto il tempo di far ringalluzzire quelle poracce (le resistenze) e rimetterle in prima linea contro se stesse.
La loro angoscia di vivere, le conduce lentamente ad un ritiro più che sociale, emotivo e sentimentale con gli umani, dirottando vieppiù su se stesse e sugli animali le loro attenzioni in quanto essi non pretendono nulla in cambio, non le mettono alla prova e non mettono a rischio la loro fragile autostima (non credo sia un caso che una percentuale altissima di lesbiche ha in casa almeno un animale domestico, generalmente un gatto). Anche loro infatti presentano parecchi tratti narcisistici e il perdurare a lungo in questa categoria di cacasotto, se non opportunamente curate, potrebbe condannarle alla catastrofica e paradossale traslazione nella categoria del maschio mentale narcisista, trasformandole da prede a predatrici.

Nell’universo variegato, infine, merita una menzione in realtà una terza categoria residuale e scarsamente rappresentata alla quale appartengono le donne pienamente consapevoli, felici e orgogliose di viversi la propria omosessualità e il processo di ricombinazione genetica è andato a buon fine, quindi sono donne anche mentali. Hanno un’autostima ben strutturata, non si fanno pippe mentali come le cacasotto-cacacazxi, sanno cosa vogliono e agiscono di conseguenza. Allacciano relazioni robuste e durature. Sono rarissime, esemplari che difficilmente s’incontrano nella vita quotidiana.

Quindi, ricapitolando, se applichiamo la proporzione di appartenenza alle categorie illustrate alle utenti di questo sito, che sono un campione più che rappresentativo della popolazione lesbica italiana, rileviamo che la maggior parte sono cacasotto (per questo non scrivono mai o quasi) e un gran numero sono maschi mentali (quelle che cercano sesso e/o prede e non scrivono o scrivono poco oltre che per le ragioni su dette, perché stanno alla condivisione come Trump alla tolleranza).
Infine, possiamo anche tentare di dare una spiegazione alle domande che qualcuna si è posta in qualche altro topic riguardo alle difficoltà di comprendere l’universo variegato: gl’incroci che nella vita si presentano con maggiore frequenza sono tra i maschi mentali e le cacasotto-cacacaxxi e le cacasotto fra loro (difficilmente i maschi mentali entrano in contatto sentimentale fra loro, ma si rifuggono) e ciò spiega a mio avviso le difficoltà di allacciare nuove relazioni e i rapporti assurdamente tormentati e che frequentemente osserviamo.
Buonanotte!
 
utente marinadolce

LellaPraticante
Eta': 55
Provincia': Milano
Citta': Milano
Risposte: 129
[ Martedi, 30 Gennaio 2018 08:51:04]
Ammazza Michy, complimenti per la tua disamina molto colorita, ma credo anche molto azzeccata...mi verrebbe da esprimermi con un'espressione romanesca...tu avrai già intuito! A questo punto mi piace pensare che al mio cromosoma ipsilon si sia attaccato un moncherino di un ics perso da qualche donzella, trasformandomi in una femmina mentale...tu che dici? Forse mi illudo... comunque quando ho parlato di universo femminile variegato, mi riferivo a tutte le donne, non solo le lesbiche...a proposito le dichiarate bisex come le collocheresti?
 
utente giogi

LellaPraticante
Eta': 42
Provincia': Napoli
Citta': Napoli
Risposte: 60
[ Martedi, 30 Gennaio 2018 09:24:00]
Vorrei essere spiccia e pratica.
Temo che si tenda a fare troppa dietrologia. La risposta è sempre e solo una: pigrizia.
Inoltre la vita ci inghiotte. Non mi piace dividere le persone in macro-categorie.
Ciascuno ha un universo fluttuante dentro sé.
Certe volte hai voglia di entrare nel forum e leggere o scrivere. Certe volte, semplicemente, vivi la tua vita.
E' di certo interessante entrare in contatto con i vostri universi-mondi ma è altrettanto necessario vivere, agire e sbagliare. Io vivo senza rete. Mi piace così.
 
utente Blackperson

LellaFedele
Eta': 40
Provincia': Olbia Tempio
Citta': Olbia
Risposte: 186
[ Martedi, 30 Gennaio 2018 16:24:34]
michi68 Lunedi, 29 Gennaio 2018 risponde:
Il maschio mentale basic, essendo biologicamente parametrizzata come un uomo, ha il chiodo fisso del sesso fine a se stesso, non scrive niente perché non ha niente da dire, si aggira silente nel sito per selezionare grossolanamente le fortunate destinatarie dei propri messaggi, preparati con sapiente cura in dolce stilnovo e carichi di significato, in genere del seguente tenore: Ciao, come stai?

Che ridere. Una descrizione così perfetta che mi sono venuti i brividi e non di piacere. Ma io dico, come fa una donna a ridursi in quel modo e perdere l' unica cosa bella che ha, quel poco di femminilità ? Per somigliare poi a cosa, alla peggior specie degli uomini ? Camioniste...non siete fighe siete brutte. Abbiate pazienza, qualcuno deve pur dirvelo, fatevene una ragione. Poi la maggior parte escono tutte in branco, con lo stesso taglio di capelli e lo stesso modo di vestire. I misteri, davvero, superquark. Allora, facciamo un esempio, gli uomini gay effeminati sono brutti o fanno senso ? No, fanno simpatia, a me qualche volta fanno anche ridere perché sono simpatici. Il motivo secondo me è perché la femminilità, in qualsiasi forma essa sia è bella. Ora prendiamo un uomo, un uomo alquanto rozzo sia nei ragionamenti che nei modi di fare e comportamentale, trasandato e che cammina come uno scimpanzé. Non c'è dubbio, è brutto. Oppure diciamo poco affascinante ? Come un gatto morto sulla tangenziale ? Figuriamoci una donna che si riduce in quel modo, l'annullamento, il degrado totale. Per questo no alle camioniste sempre e comunque. Mi hanno fatto ridere anche tutte le altre descrizioni. Ma a Roma basta uscire di casa e se ne vedono di tutti i colori. Che bella Roma. Ma nonostante ciò ti sei dimenticata di una categoria, le non catalogate. Quelle he non fanno parte di nessuna categoria, con un carattere bene o male importante, le anticonformiste, le anti-gregge, le voci fuori dal coro che senza volerlo si distinguono dagli altri per le proprie idee o altro. Tu gregge vai avanti che a me ci penso io. I cani sciolti. Ecco, il termine cane sciolto rende l'idea. Secondo me sono tante, le insospettabili, sicuramente meno appariscenti delle camioniste, orrore.
 
utente Blackperson

LellaFedele
Eta': 40
Provincia': Olbia Tempio
Citta': Olbia
Risposte: 186
[ Martedi, 30 Gennaio 2018 16:30:18]
Nuove iscritte qui l' orco cattivo non c'è e nel caso in cui ci fosse lo manderei dritto da voi, quindi che problema c'è ? Scrivete tutto ciò che avete dentro, qui nessuno giudica nessuno e manco vi conosce.
 

1

2

3

4

5





compleanni oggi
Joke210

INVIA AUGURI

Assistenza Servizi Portale


Assistenza servizi Tra Donne