Sito per donne lesbiche

Che fretta



Esegui il login per partecipare

Che fretta
utente Aspirina_G

LellAffiatata
Eta': 48
Provincia': Roma
Citta': Monterotondo
Risposte: 495
[ Giovedi, 11 Gennaio 2018 19:16:46]
Qualche giorno fa a Milano, otto di mattina, fermo lungo la 91, un filobus accidentalmente finito sotto un separatore, (un breve tratto di linea
senza corrente).
I pendolari, che hanno fretta,non aspettano i rinforzi e lo fanno ripartire a spinta!.

Gli impegni, il lavoro,giornate colme di cose da fare, possono far spingere un filobus!!

Vi chiedo, sono gli stili di vita dell'età contemporanea a imporre ritmi pressanti o l'origine della fretta è nella natura umana??
C'è, qualcosa che fate senza fretta?
utente marinadolce

LellaPraticante
Eta': 55
Provincia': Milano
Citta': Milano
Risposte: 129
[ Giovedi, 11 Gennaio 2018 21:18:22]
Cara Aspirina,
credo che certe scene si vedano solo a Milano...
...la gente che corre in metrò per salire rischiando di spiaccicarsi sulle porte quando già si sente il segnale di chiusura...non sia mai che ti slitta la giornata di 3,5 minuti!!!
 
utente Imissyou

SuperLella
Eta': 48
Provincia': Milano
Citta': Milano
Risposte: 3.557
[ Giovedi, 11 Gennaio 2018 22:42:00]
Aspirina_G Giovedi, 11 Gennaio 2018 risponde:
Gli impegni, il lavoro, giornate colme di cose da fare, possono far spingere un filobus!!

Vi chiedo, sono gli stili di vita dell'età contemporanea a imporre ritmi pressanti o l'origine della fretta è nella natura umana??
C'è, qualcosa che fate senza fretta?

In generale la gente del nord corre sempre. ..o cammina con passo veloce.
Il tempo che scorre ci terrorizza!
Anch'io che sono nata in cattività. ..mi sono osservata camminare con gli occhi dell'altro ed ho scoperto di correre . ..o meglio me lo hanno fatto notare!

Comunque esiste un luogo, cento o mille, se gliela farò mai a visitare. ..in cui la lentezza è un piacere doveroso!
Molti non saranno d'accordo con me per la fame di conoscere sempre più cose, per poter raccontare o annotare o semplicemente ricordare, ma io personalmente quando pianifico un viaggio e decido di visitare un certo numero di meraviglie, spesse volte non riesco a rispettare la tabella di marcia perché incantata rimango più del previsto davanti alla meraviglia che sto visitando, scoprendo.

Le mura che imprigionano l'arte è un luogo in cui il tempo si ferma finché non mi mandano via per la chiusura serale. ..la bellezza di un giardino può catturarmi per ore. ..
Le meraviglie dell'Arte e della Natura mi costringono a rallentare!

CiaoCiao
 
utente raganella423

BigLella
Eta': 26
Provincia': Milano
Citta': Vignate
Risposte: 823
[ Venerdi, 12 Gennaio 2018 06:35:43]
Ciao Aspirina!
Ti dirò che nata a Milano dopo 16 anni volevo già andarmene, cosa poi fatta 4 anni dopo. No, non emigrato, mi sono solo spostata di qualche chilometro più in là di Milano, fatto sta che ho mal sopportato la frenesia della metropoli.

Mi rendo conto però che quando sono in macchina a volte tendo a "milanesizzarmi", nel senso che a volte corro. Fortuna che quando me ne rendo conto faccio un respiro profondo e dico "ma ne vale la pena?" e rallento tranquillamente.

La frenesia ce l'ho a lavoro, ovvio quando serve.

Come Miss, anch'io mi perdo a volte nei paesaggi delle mete che scelgo. Tempo fa andai a Chiavenna e rimasi per tipo un paio d'ore a contemplare il paesaggio, le montagne la foschia che piano piano scendeva, il sole che faceva capolino, il silenzio e la quiete del quel luogo.. Per un milanese l'inferno, per me il paradiso.

Ah! La frenesia del voglio fare tutto ma poi non si conclude niente!

W la lentezza! W il ghiaccio nelle tasche! W la flemmaticità!

Cheers
 
utente Blackperson

LellaFedele
Eta': 40
Provincia': Olbia Tempio
Citta': Olbia
Risposte: 186
[ Venerdi, 12 Gennaio 2018 11:53:30]
Mi hai fatto venire in mente la comica Mannino. Pensavo che enfatizzasse, invece la realtà supera la fantasia.

 
utente Cynisca

LellApprendista
Eta': 52
Provincia': Novara
Citta': Novara
Risposte: 51
[ Venerdi, 12 Gennaio 2018 17:40:34]
Ogni periodo storico ha le sue caratteristiche con i suoi vantaggi e relativi svantaggi. Posso solo constatare che questa “fretta” si insinua dappertutto persino nei dialoghi di tutti i giorni dove spesso viene meno il tempo dell’ascolto e sempre più prevale il tempo dell’anticipazione facendo perdere, alla conversazione stessa, contenuto valore e comprensione. Io purtroppo non ne sono certo immune!
Per contro una delle cose che faccio è dedicarmi alle incisioni con il pirografo. In quei momenti la “fretta” è vietatissima!
Ciao. Alla prossima.
 
utente Pandora

SuperLella
Eta': 42
Provincia': Milano
Citta': Milano
Risposte: 2.918
[ Sabato, 13 Gennaio 2018 16:11:33]
E meno male che c'erano i passeggeri.
Ti pare che alle otto di mattina ci si possa permettere di aspettare i rinforzi? Naa, il milanese non sta mai con le mani in mano, grazie al cielo. Scende e spinge, che c'è da fare. Andremo anche di fretta, ma, guarda caso, vengono tutti qui. A cercare lavoro, a cercare la gallina dalle uova d'oro.
La fretta non piace a nessuno, eppure... E' nella frenetica Milano che si va, quando altrove non la si spunta.
Personalmente, ho dei ritmi piuttosto serrati. Scuola dei figli, lavoro, visite mediche anche dei genitori ormai anzianotti, cane da portare a spasso, e via dicendo. Nelle giornate più tranquille, io mi sento a disagio.
Non mi piace non avere niente da fare, mi inquieta.
Frutto della frenesia moderna? Non lo so. Io sono sempre stata così. Per me non fare niente è perdere tempo e chi perde tempo non produce. E se non produce, non porta a casa la grana.
Ci sono dei momenti che amo vivere con un po' più di calma.
Una colazione al bar, per esempio. Tra cappuccino, brioche, e magari un buon quotidiano.
Un bel bagno caldo, profumato, candele accese.
Momenti così.
Ma... non mi crogiolo mai troppo. Perché mi annoio facilmente. Molto facilmente.

Non so dirti se è colpa della civiltà moderna, dei tempi che cambiano e che sembrano richiedere sempre più energie. L'essere umano non ha fretta, in origine. Se ci pensi bene, se la prende con calma anche per venire al mondo. Nove mesi di attesa, tanti mesi per imparare a parlare, camminare, correre, usare le mani, e così via. Quindi, di sicuro, c'è tutta l'influenza dell'età adulta che travolge anche i ragazzini.
Alle otto a scuola, magari il pomeriggio a fare sport e poi la corsa a studiare.
Non credo sia "naturale", ma è indubbio che c'è chi ci sguazza benissimo - vedi la sottoscritta - e chi ha bisogno di più tranquillità.
Quello che noto, però, è che le persone più "calme" criticano fortemente certi stili di vita. Io penso che, nel limite del possibile, tutti noi si debba cercare di vivere al meglio. Per noi stessi. E se per me significa impegnare totalmente le mie 24 ore, non vedo perché dovrei impormi di stare immobile a fare una mazza per "godermi" qualcosa che alla fine non mi godrei comunque.
A ognuno il suo, insomma. Nel pieno rispetto di tutti.
 
utente Aspirina_G

LellAffiatata
Eta': 48
Provincia': Roma
Citta': Monterotondo
Risposte: 495
[ Sabato, 13 Gennaio 2018 17:37:32]
marinadolce Giovedi, 11 Gennaio 2018 risponde:
null
marinadolce Giovedi, 11 Gennaio 2018 risponde:
Cara Aspirina,

Grazie era dall'88 che non me lo dicevano!
marinadolce Giovedi, 11 Gennaio 2018 risponde:
credo che certe scene si vedano solo a Milano... ...la gente che corre in metrò per salire rischiando di spiaccicarsi sulle porte quando già si sente il segnale di chiusura...non sia mai che ti slitta la giornata di 3,5 minuti!!!

Ciao Mari,credo che ovunque ci sia un vagone ci sia questo pericolo.. ..ho visto insospettabili massaie,vecchietti artritici,invalidi,fare zompi e tuffi circensi per entrare in metro.Che ride.
Forse perchè,qui a Roma,se perdi una corsa aspetti un "veletto" di più,da futura cittadina onoraria della capitale meglio che tu lo sappia!
Grazie per la risposta al topic,che lo spirito di spelacchio sia con te.
 
utente Aspirina_G

LellAffiatata
Eta': 48
Provincia': Roma
Citta': Monterotondo
Risposte: 495
[ Sabato, 13 Gennaio 2018 18:00:36]
Imissyou Giovedi, 11 Gennaio 2018 risponde:
Anch'io che sono nata in cattività. ..mi sono osservata camminare con gli occhi dell'altro ed ho scoperto di correre . ..o meglio me lo hanno fatto notare!


Buonasera gentilissima,ma che bei pensieri... a Roma ti si direbbe 'ammazza quanto vai dé prescia',antica locuzione popolare che invita alla calma e al rallentamento.
Imissyou Giovedi, 11 Gennaio 2018 risponde:
In generale la gente del nord corre sempre. ..o cammina con passo veloce.

Chissà perchè,ammesso che sia una prerogativa prettamente nordica,mi piacerebbe sapere il motivo di questi "ritmi" così serrati.....(?).
Imissyou Giovedi, 11 Gennaio 2018 risponde:
Le mura che imprigionano l'arte è un luogo in cui il tempo si ferma finché non mi mandano via per la chiusura serale. ..la bellezza di un giardino può catturarmi per ore. .. Le meraviglie dell'Arte e della Natura mi costringono a rallentare!

E' bellissimo essere cacciate da un museo!.Proprio a Milano ho avuto questo immenso onore!.Io non avevo FRETTA...loro si.
Pensa Imiss volevano chiudere!.Mi volevano strappare da tanta bellezza!.
Che carnefici!......

....Ciao
 
utente Aspirina_G

LellAffiatata
Eta': 48
Provincia': Roma
Citta': Monterotondo
Risposte: 495
[ Sabato, 13 Gennaio 2018 18:37:10]
raganella423 Venerdi, 12 Gennaio 2018 risponde:
W la lentezza! W il ghiaccio nelle tasche! W la flemmaticità

Ciao splettacolare Grinch!
Ma il ghiaccio nelle tasche,rallenta??
Sai com'è me dovrei dare una calmata,cerco rimedi anche empirici!!!!
raganella423 Venerdi, 12 Gennaio 2018 risponde:
mi sono solo spostata di qualche chilometro più in là di Milano, fatto sta che ho mal sopportato la frenesia della metropoli. Mi rendo conto però che quando sono in macchina a volte tendo a "milanesizzarmi", nel senso che a volte corro. Fortuna che quando me ne rendo conto faccio un respiro profondo e dico "ma ne vale la pena?" e rallento tranquillamente.

Quoto i tuoi respiri profondi,grazie ai quali rallenti,,,un sacco di gente si "milanesizza" e fa un sacco di casini.
Penso che una cosa importante della vita sia lo scegliere,nel limite del possibile,la nostra "location" ,vivere in luoghi non affini a noi produce solo tristezza soprattutto se sono l'opposto rispetto alla nostra indole.
raganella423 Venerdi, 12 Gennaio 2018 risponde:
Come Miss, anch'io mi perdo a volte nei paesaggi delle mete che scelgo. Tempo fa andai a Chiavenna e rimasi per tipo un paio d'ore a contemplare il paesaggio, le montagne la foschia che piano piano scendeva, il sole che faceva capolino, il silenzio e la quiete del quel luogo.. Per un milanese l'inferno, per me il paradiso.

Ma che spaccato poetico!.Quasi quasi vado a visitare Chiavenna!
Ciao
 
utente Aspirina_G

LellAffiatata
Eta': 48
Provincia': Roma
Citta': Monterotondo
Risposte: 495
[ Sabato, 13 Gennaio 2018 18:55:05]
Blackperson Venerdi, 12 Gennaio 2018 risponde:
Mi hai fatto venire in mente la comica Mannino. Pensavo che enfatizzasse, invece la realtà supera la fantasia.

Ciao Black,lieta di leggerti.
Sto video è uno sbraco,lei una vera mattatrice,in dieci minuti ha riassunto tutti i luoghi comuni possibili,su Milano e i milanesi.
L'eterno "scontro" tra nord e sud!.
Mi affido alla tua ironia per vedere qualche altra chicca!
Grazie per il video e la risposta.
 

1

2

3





Assistenza Servizi Portale


Assistenza servizi Tra Donne