Pausa di riflessione



Per partecipare devi loggarti
Pausa di riflessione
utente Mariposa

SuperLella
Eta': 35
Provincia': Pavia
Citta':
Risposte: 2.213
[ Lunedi, 15 Novembre 2010 15:06:48]
Avete mai chiesto o concesso una pausa di riflessione? Che ne pensate? Qual è stato il risultato? Vi è servita? La storia poi è ripresa serenamente o si è definitivamente conclusa?
utente Mariposa

SuperLella
Eta': 35
Provincia': Pavia
Citta':
Risposte: 2.213
[ Lunedi, 15 Novembre 2010 15:11:06]
Ho preso spunto da una discussione che ho appena avuto con la mia compagna in merito alla classica pausa di riflessione.
Personalmente ho subito alcune pause di riflessioni, che mi sono state chieste da partner incerti sul da farsi riguardo la storia che stavamo vivendo.
Io, però, non sono mai riuscita a chiedere una pausa di riflessione al/alla partner, non sono mai stata in grado di portarla avanti. Qualche volte ho tentato di chiederla ma, puntualmente, dopo qualche ora ritrattavo sempre.
Insomma, io non riesco a pensare serenamente, con obiettività, con lucidità, non riesco a trovare il giusto distacco per meditare e decidere il da farsi, se so di aver lasciato, per così dire, una persona in stand by.
A mio avviso è una gran vigliaccata chiedere del tempo per riflettere. Così facendo, infatti, si tiene in sospeso qualcuno che ci ama e che, volente o nolente, continua a sperare. Lo si illude, lo si tiene ancorato a noi, impedendogli di fare la sua vita, magari di volgere lo sguardo altrove e di instaurare un altro legame sentimentale.
Insomma, anche qualora si è indecisi per qualsiasi motivo, credo sia più corretto lasciare la persona in questione, trovando poi il modo e il tempo di analizzare e sviscerare la situazione, di riflettere e di capirsi meglio.
Certo, così facendo correremo il rischio poi di non trovare la persona ad aspettarci ad un nostro eventuale ritorno. Nella vita, però, non si può avere tutto, non si può avere la classica botte piena e la moglie ubriaca contemporaneamente.
Se il sentimento è forte, se è destino, sopravviverà anche ad una separazione momentanea.
Io credo che lo stare in stand by ci renda impotenti. Alla fine è un gioco al massacro che logora.
Chi chiede la classica pausa di riflessione spesso non si rende conto (o non vuole rendersi conto, perché risulta più comodo) che questo comporta uno stillicidio, una lenta agonia. Insomma, a mio avviso è un atto di egoismo.
 
utente MAryAH

SuperLella
Eta': 31
Provincia': Bergamo
Citta': Bergamo
Risposte: 2.988
[ Lunedi, 15 Novembre 2010 15:31:04]
io non credo alle così dette pause di riflessione… forse perché fino adesso tutte le volte che mi è stata domandata una cosa del genere era perché c’era un’altra donna da conoscere, un’altra storia da provare… e se poi andava male tornavano da me, che nel frattempo avrei dovuto aspettare pazientemente.
questa è la mia idea di pausa di riflessione… e va da se che, chiaramente, non l’accetto.
se mai dovesse arrivare un momento della vita di coppia in cui avrò dei dubbi, non credo che da sola riuscirei a fare chiarezza. se il problema è la coppia… in coppia si deve risolvere, altrimenti ognuno per i fatti propri… così si evitano attese e logoramenti inutili.
se poi uno vuole per forza chiarire i suoi dubbi in solitudine, beh, deve prendere in considerazione il fatto che la medaglia ha sempre due facce. l’altra persona potrebbe anche non essere più disposta a riaccoglierti dopo che hai fatto chiarezza.
 
utente Mariposa

SuperLella
Eta': 35
Provincia': Pavia
Citta':
Risposte: 2.213
[ Lunedi, 15 Novembre 2010 15:46:19]
Grande MaryA e grandissima Alchimia!
Sono d’accordo con voi, in tutto e per tutto! Diciamo che, per diplomazia, nello scrivere il topic e nell’esporre quello che è il mio pensiero, ho cercato di mitigare un po’ i toni e di usare, come si suol dire, un po’ di tatto!
Insomma, mi conosco (e forse avete imparato a conoscermi anche voi), quindi saprete che la diplomazia non è il mio forte!
Non ho peli sulla lingua, dico quel che enso, perché sono autentica e trasparente.
Insomma, nemmeno io credo alle pause di riflessione, anzi, mi sembrano, come ripeto, atteggiamenti davvero egoistici, ipocriti, codardi! Ma cosa si vuole ottenere con una pausa di riflessione?
Se il problema è la coppia, come ha giustamente affermato MaryA, in coppia si deve risolvere. Se, invece, sorgono dei dubbi all’interno di uno dei/delle due partner, allora si abbia il coraggio di prendersi del tempo, ma troncando di netto la relazione. E’ un atto d’amore dovuto alla persona che ci ama e che non ha dubbi!
Poi, se ci chiariamo e scopriamo che ciò che vogliamo è ancora quell’amore da noi interrotto, potremo tornare e, a quel punto, starà all’altra persona decidere il da farsi!
Spesso, però, la pausa di riflessione è solo un’ingannevole anticamera, un assurdo preludio alla fine del rapporto! La pausa di riflessione è solo uno squallido tentativo di rimanere, appunto, con i piedi in due scarpe, non assumendosi le responsabilità di una scelta netta e coraggiosa.
E poi, secondo me, se si ama la cosa è molto semplice: o si decide di rimanere con quella determinata persona, o ci si lascia. Non esistono vie di mezzo! E’ solo un modo di prolungare l’agonia e di procrastinare una decisione che poi, inevitabilmente, si dovrà prendere!
Se si ama, la storia la si vive, altrimenti, se sorgono tanti dubbi, se iniziamo ad accampare scuse, se tiriamo fuori il discorso del nostro passato, delle nostre paure, dei nostri pregressi, vuol dire che, in fondo, questa storia non ci dà poi tante sicurezze e tante gratificazioni!
Spesso ci nascondiamo dietro al paravento delle nostre sofferenze passate per evitare di metterci in gioco fino in fondo e ci giustifichiamo dicendo che è la paura di soffrire che ci rende instabili e confusi! Baggianate!
Sono una persona pratica e pragmatica e so per certo che, se si ama davvero, non si guarda in faccia nessuno e, a costo di farsi male, ci si vive fino in fondo!
 
utente Emmelle

LellAffiatata
Eta': 37
Provincia': Genova
Citta':
Risposte: 438
[ Lunedi, 15 Novembre 2010 17:02:23]
Se mi si chiede una pausa di riflessione vuol dire che non sono più "il centro" nel cuore di chi mi sta accanto, e allora preferisco che mi si lasci piuttosto che trascinare una relazione che se ha bisogno di una pausa vuol dire che proprio accesa non è. Insomma, non devo essere "sopportata" per forza, o prendere o lasciare
E siccome coerenza vuole che quello che mi aspetto debba fare anch'io, non chiedo pause di riflessioni ma lascio... Questo in teoria! Perché è come vorrei comportarmi, perché so che un comportamento del genere vuol dire voler avere il piede in due scarpe ed egoisticamente tenere legata l'altra con un filo di insicurezza, ma so anche che molte volte sono indecisa e spero davvero di non trovarmi mai ad essere così egoista.
Bisognerebbe essere in grado di lasciare, "liberare" l'altra correndo il rischio in un eventuale ritorno di trovarsi sole!
 
utente Pandora

SuperLella
Eta': 42
Provincia': Milano
Citta': Milano
Risposte: 2.918
[ Lunedi, 15 Novembre 2010 18:03:48]
Uhm. Me l'hanno chiesta e l'ho chiesta. E quando la si chiede, qualcosa è già andato a farsi friggere, solo che non ancora non si vuole ammettere.
In definitiva, alle pause non credo neppure io, in linea di massima. Forse ci sono però casi in cui una delle due persone che compongono la coppia abbia sul serio bisogno di silenzio per mettere in pace la propria testa e il proprio cuore.

Sta all'altra decidere se aspettare o meno. E solitamente quando si ama, si aspetta anche una vita intera.
 
utente Mariposa

SuperLella
Eta': 35
Provincia': Pavia
Citta':
Risposte: 2.213
[ Lunedi, 15 Novembre 2010 18:26:58]
Questo, come potete constatare, è un argomento che sento molto, proprio perché è una questione delicata ed assai frequente.
Cara Pandora, chi ama, come hai detto giustamente tu, è disposto ad aspettare anche un’intera vita, se necessario, per godere nuovamente del suo amore!
In effetti, nel caso di una pausa di riflessione, la persona che si trova a subire questa pausa è “l’anello debole” della catena, perché non sarà certo lei a dire basta, ad interrompere di netto il legame che la vede coinvolta.
E’ la persona che chiede questa pausa che, a mio avviso, dovrebbe avere il coraggio, l’onestà, la correttezza di lasciare la persona, non di chiederle del tempo e di far sì che lei rimanga lì ad aspettare.
Sarà poi la persona che ama ad attenderla comunque, anche se è ltata lasciata, perché la speranza è l’ultima a morire. Ci si illude di poter riconquistare la persona che amiamo disperatamente, si spera con tutte le nostre forze che quest’ultima torni da noi e, in quel caso, saremo lì, pronti ad accoglierla a braccia aperte!
Insomma, se io ho bisogno di tempo, lascio di netto, faccio credere che sia finita, anche se, magari, nel mio cuore non è proprio così, ma non voglio essere io quella che chiede del tempo, non voglio essere io che, facendo questo, abuso e approfitto di un amore incondizionato e immenso.
Starà poi a me, se avrò capito che ciò che voglio è uella persona, tornare e, molto umilmente e discretamente, tentare di riavvicinarmi, anche a costo di un suo rifiuto.
Se poi questa persona non sarà più disponibile, se, nel frattempo, si sarà costruita un’altra relazione, beh, sarà mia premura farmi da parte e, se l’amo, lasciare che segua il suo cuore e che sia felice, anche con qualcun altro!
 
utente paradiseafi

LellaFedele
Eta': 51
Provincia': Firenze
Citta': Firenze
Risposte: 178
[ Lunedi, 15 Novembre 2010 19:04:29]
E’ un qualcosa in cui non credo per niente, come già qualcuno ha detto fare questo secondo me è già dare un annuncio indorato di chiudere una storia o comunque di aver trovato qualcosa di più interessante, e non sapendo come andrà uno lascia in stato di fermo l’altra persona.
Per me è sempre meglio risolvere i problemi in coppia, se risolvibili, altrimenti meglio chiudere un rapporto che fare del male gratuito.
 
utente Roxxy

SuperLella
Eta': 44
Provincia': Roma
Citta': Roma
Risposte: 3.026
[ Lunedi, 15 Novembre 2010 19:05:49]
Quando mi è capitato, è perché ne sentivamo il bisogno entrambe.
E' stato il primo passo verso una rottura definitiva, ormai inevitabile.

Possono capitare dei momenti di crisi e incertezza in cui si ha realmente bisogno di riflettere per comprendere quello che si ha dentro.
Ed ammetterlo con il proprio partner è la soluzione migliore.
L'importante è che ci sia chiarezza, poi sta all'altra persona scegliere se accettare o meno. A quel punto si deciderà insieme quale strada prendere e cosa si intende per "pausa di riflessione".

Ma se pausa si vuole....pausa reale deve esserci.
Continuare a sentirsi tutti i giorni e comportarsi come se nulla fosse, magari stando anche insieme ogni tanto, è logorante...
Va bene un momento di riflessione, se è necessario, ma deve esserci un distacco reale.
 
utente bijoux

LellApprendista
Eta':
Provincia':
Citta':
Risposte: 3
[ Lunedi, 15 Novembre 2010 19:37:14]
E' da tanto che vi leggo, ma qesto topic mi ha davvero toccato il cuore e dato il coraggio di scrivere. Ho vissuto la mia prima storia d'amore con una donna durata circa un anno. Grande amore, pareva. Lei va via un fine settimana con delle amiche e nel giro di ventiquattro ore conosce un'altra persona. Torna, mi dice che vuole capire, andare fino in fondo,fare chiarezza dentro di sè, che questo ci servirà, che ci porterà da qualche parte. Io, debole e innamorata, le dico va bene, cerca di capire, io sono qui, ma, prometti di dirmi qualcosa quando avrai capito. Bene, dopo quasi cinque mesi nulla. Sul piano umano è stata un'esperienza devastante, mi sono sentita calpestata, umiliata. L'errore è stato fidarmi, donarmi totalmente a qualcuno,credere che avrebbe almeno avuto il coraggio di chiudere, ma, vigliaccamente, è fuggita.
 
utente puraluce

LellaConvinta
Eta': 35
Provincia': Mantova
Citta': Mantova
Risposte: 689
[ Lunedi, 15 Novembre 2010 20:18:54]
Lunedi, 15 Novembre 2010 bijoux risponde:

E' da tanto che vi leggo, ma qesto topic mi ha davvero toccato il cuore e dato il coraggio di scrivere. Ho vissuto la mia prima storia d'amore con una donna durata circa un anno. Grande amore, pareva. Lei va via un fine settimana con delle amiche e nel giro di ventiquattro ore conosce un'altra persona. Torna, mi dice che vuole capire, andare fino in fondo,fare chiarezza dentro di sè, che questo ci servirà, che ci porterà da qualche parte. Io, debole e innamorata, le dico va bene, cerca di capire, io sono qui, ma, prometti di dirmi qualcosa quando avrai capito. Bene, dopo quasi cinque mesi nulla. Sul piano umano è stata un'esperienza devastante, mi sono sentita calpestata, umiliata. L'errore è stato fidarmi, donarmi totalmente a qualcuno,credere che avrebbe almeno avuto il coraggio di chiudere, ma, vigliaccamente, è fuggita.




mi spiace molto per questa tua esperienza, so cosa si prova e quanto sia devastante. la mancanza di rispetto e correttezza veramente fanno male.
come giustamente scrive Mariposa, le pause di riflessione non sono mai solo pause, ma sono ormai la fine di qualcosa. la cosa più dolorosa è che una persona che ama, ci si può aggrappare e restare in sospensione per parecchio tempo, ad una pausa di riflessione, ci si può aggrappare perché siamo umani e perché quando si ama, qualsiasi filo striminzito e invisibile diventa speranza.
la cosa più salutare che ho fatto per me stessa e la mia vita è stata di tagliare di netto io e volontariamente, questo filo di sospensione che non aveva senso di esistere e di essere ma che era il risultato di un egoismo contorto confuso e poco limpido della persona che avevo amato. in certe cose sarò forse rigida e forse all'antica ma o si sta dentro o si sta fuori, certe cose in amore non conoscono mezze misure, tutto il resto mi sa di mancanza di coraggio, vigliaccheria e opportunismo di bassa specie.
 

1

2





Assistenza Servizi Portale

Assistenza servizi Tra Donne

Assistenza

Creazione siti web economici a Brescia
Hai bisogno di un sito internet professionale ed economico? Rivolgiti alla nostra web agency per richiedere un preventivo gratuito! Un nostro collaboratore ti seguira' passo dopo passo per la creazione del tuo sito web personalizzato.


pinterest
Pinterest Tra Donne