androginia psicologica



Per partecipare devi loggarti
androginia psicologica
utente Kairos

LellaPraticante
Eta':
Provincia': Terni
Citta': Terni
Risposte: 94
[ Giovedi, 7 Giugno 2012 17:02:19]
Premetto col dire che un argomento tosto.... soprattutto per me, perch ci st dentro fino al collo e da una vita. Non nemmeno semplicissimo da spiegare quindi se non capite ci che scrivo ditemelo e io provveder. Solo l'anonimato mi permette di intraprendere una spiegazione del genere e nella vita reale l'ho spiegato solo ad una persona.
Dunque: io non mi sento propriamente donna... cio, nemmeno un uomo, credo. come se il mio genere fosse un altro, una via di mezzo...
utente Kairos

LellaPraticante
Eta':
Provincia': Terni
Citta': Terni
Risposte: 94
[ Giovedi, 7 Giugno 2012 17:13:26]
? sempre stato cosi da che mi ricordi, mi va bene ma non riesco, per ora, a trovare un equilibrio... di me a volte parlo al maschile, altre al femminile... il mio disagio non ? sempre opprimente soprattutto perche recentemente ho cominciato ad accettarlo, per? non s? proprio come spiegarlo a chi mi sta intorno ... non ? per niente facile! Adoro indossare abiti e biancheria maschile, a volte mi rendo conto che le mie forme stonano inevitabilmente con cio che ho addosso... per? poi dico "hey: ci stai da Dio" ( a volte mi piace fare la persona vanitosa ). Insomma: che INCUBO! Comunque sono fiduciosO perche credo di potercela fare ad equilibrare le mie due componenti.... dico sempre che se la comunit? scientifica mi analizzasse scoprirebbe cose interessanti... e sicuramente l'umanit? intera ( megalomane) sarebbe costretta a rivedere la lista delle possibili IDENTIT? DI GENERE! Tendo a sdrammatizzare per? voglio farvi capire che questo per me ? il coming out del coming out ( non s? se mi spiego ) e ho deciso di parlarne con voi.
ciao
 
utente Vivi-La

LellaFedele
Eta': 40
Provincia': Monza e della Brianza
Citta': Meda
Risposte: 262
[ Giovedi, 7 Giugno 2012 17:35:50]
Ci sono comportamenti che vengono immediatamente attribuiti ad un genere o all'altro, per es. il "piangere come una femminuccia" o "il fare un lavoro da uomini".
Francamente lo trovo irritante.

Siamo quello che siamo, forti e deboli in momenti diversi e a volte anche nello stesso momento.

Questo non fa di noi donne piu vere o uomini mancati.

Non cercare definizioni, non sentirti inadeguata ma segui la tua strada e trova il tuo equilibrio, la vita ? tua, vivila come ti senti e sii felice.

Un abbraccio
Viv
 
utente ALISE

StraLella
Eta': 36
Provincia': Roma
Citta':
Risposte: 1.646
[ Giovedi, 7 Giugno 2012 17:50:34]
..posso immaginare che sia una confessione bella intensa per te, non tanto per il contenuto ma per il fatto di averlo fatto!

che dire, io trovo il tutto molto intrigante e infondo niente di cosi allarmante.

E per citare l'amica Viv:
Vivi-La Giovedi, 7 Giugno 2012 risponde:Non cercare definizioni, non sentirti inadeguata ma segui la tua strada e trova il tuo equilibrio, la vita ? tua, vivila come ti senti e sii felice.


 
utente violette

UltraLella
Eta': 28
Provincia': Milano
Citta': Milano
Risposte: 1.265
[ Giovedi, 7 Giugno 2012 18:04:43]
Vivi-La Giovedi, 7 Giugno 2012 risponde:Non cercare definizioni, non sentirti inadeguata ma segui la tua strada e trova il tuo equilibrio, la vita ? tua, vivila come ti senti e sii felice.


Parole sante! Anche se Piu' facile dirsi che a farsi, e' la regola numero uno

Le persone sono troppo attaccate alle etichette, sempre alla ricerca di catalogare cio che si trova ad affrontare ogni giorno: i cani sono divisi in razze, il mondo animale e vegetale e minerale in specie e via dicendo.. Cataloghiamo tutto! Sbagliando completamente perche' ognuno di noi, qualsiasi cosa, ha dentro di se magari le stesse componenti, ma in percentuale differente. Siamo tutti diversi.

L'importante davvero non e' definirsi a se stessi o agli altri, bens? trovare il giusto equilibrio in noi stessi.

Mi sento "donna"? A volte no, non nel modo in cui la maggior parte della gente pensa debba essere una donna. Mi sento "uomo"? Se il mio sentirmi a volte maschiaccio implica assomigliare ad un uomo, non lo so, ma me ne frego.
Ora, oggi, so chi sono e mi sono accettata. Ogni sfumatura, ogni vestito che indosso, ogni mio atteggiamento e via dicendo, pu? benissimo essere catalogato come tipicamente maschile o femminile. Sai cosa ti dico? Non mi importa. La gente pu? vedere in me quello che le pare, pu? scervellarsi fino alla nausea per darmi una definizione, pazienza. Io stessa mi definisco ometto, cascando nella stessa trappola che tanto cerco e dico di ignorare ..ma so che sono molto di piu' di quella definizione e molto anche di diverso e femminile.

La vita e' una, non si replica. Gli altri possono continuare a perdere tempo cercando di dire cio che sei, tu nel frattempo non fare come loro..accettati, capisciti, amati, fatti conoscere in tutti i tuoi lati da chi vuoi e da chi se lo merita andando oltre le apparenze futili e goditi la vita. Tu sarai li' sorridente a costruire il tuo domani, quelli saranno ancora li' a capire cosa/chi sei perdendo tempo prezioso che potrebbero dedicare a cose piu' importanti, come vivere se stessi.
 
utente


EUtente eliminata

[ Giovedi, 7 Giugno 2012 18:22:06]
Sei come sei, sei tu! ssii te stessa, non farti frollare il cervello dagli altri, non devi farti etichettare e non etichettarti tu capisco che e' difficile accettarsi, la vita secondo me e' un ballo in maschera, oggi mi sento Capitan unacino, domani Grimilde, vivi la vita e basta senza tante remore in quanto all' essere felici e' difficile si puo ' essere, sereni in pace con il mondo ma la felicita ' e' un attimo , come un battito di ali, e se non sei stata attenta non ti accorgi di essere stata felice.....................
 
utente taka63

LellApprendista
Eta': 49
Provincia': Torino
Citta': Torino
Risposte: 27
[ Giovedi, 7 Giugno 2012 22:13:05]
? come dire ti senti ermafrodite. No io sono donna ma non femmina, sono molto portata nei lavori manuali maschili, ma non disdegno lavorare hai ferri ricamare, ? vero mi stimolano di meno ma provo soddisfazioni. Non mi sono mai sentita in un corpo maschile, non potrei amare le donne. penso che il tutto sia solo nella nostra accettazione. Se io mi accetto, il mondo che gira intorno a me mi accetter?. ciao anna
 
utente violette

UltraLella
Eta': 28
Provincia': Milano
Citta': Milano
Risposte: 1.265
[ Giovedi, 7 Giugno 2012 23:57:41]
taka63 Giovedi, 7 Giugno 2012 risponde:Se io mi accetto, il mondo che gira intorno a me mi accetter?.


Una grande verita', una bella base con cui camminare nel mondo
Il non chiaro, non definito, non etichettabile, ha sempre "spaventato" la gente che deve per forza dare un nome a tutto e catalogarlo. Per fortuna sono anni questi in cui sembra maggiore l'accettazione del "diverso" come nel caso dell'omosessualit?. Qui si sta parlando, con te, di una sfumatura differente di ugual concetto. Ma in quartiere da me o comunque per la strada, incontrer? sicuramente gente che storce ancora il naso ma la maggioranza, vedendo come mi vivo normalmente la mia omosessualit?, , non ci fa caso o comunque non lo vede piu' come stranezza non comprensibile. Questo perche mi accetto, amo e accetto i panni che vesto
 
utente Kairos

LellaPraticante
Eta':
Provincia': Terni
Citta': Terni
Risposte: 94
[ Venerdi, 8 Giugno 2012 00:59:37]
Ciao e grazie per il vostro sostegno... leggendo quello che avete scritto mi sono accorto che forse la cosa ? molto piu semplice di quello che sembra. Durante l'infanzia ho convissuto senza alcun problema con questa mia caratteristica, ce l'ho da sempre.... volgio dire: sono IO. Solo, mi auguro di riuscire a trovare il giusto equilibrio cosi da far cessare questa continua lotta interiore Le vostre parole mi permettono sempre di guardare il tutto tornando dietro una posizione oggettiva... vista da fuori infatti non ? cosi tragica la situazione.
 
utente Mariposa

SuperLella
Eta': 35
Provincia': Pavia
Citta':
Risposte: 2.213
[ Venerdi, 8 Giugno 2012 06:39:48]
Ciao Kairos!
Condivido in tutto e per tutto il consiglio di molte che ti invitano a non volerti definire ed etichettare per forza!
Il fatto ? che la nostra societa ci ha inculcato le categorizzazioni ben distinte e, se si esce da esse, se non si seguono alla lettera gli schemi, son dolori! Ci si sente allora "strani", proprio perche incapaci di appartenere in tutto e per tutto ad una particolare categoria, ad un canone prestabilito...
Ma chi l'ha detto che ci si debba attenere ad una regola, ad una schematizzazione stabilita poi da persone imperfette come noi? Le categorizzazioni sono arbitrarie, possono cambiare, essere modificate a seconda dell'epoca storica, del contesto culturale... Non sono universali, non sono una scienza esatta e questo dovrebbe darti la misura di quanto siano opinabili...
Vivi per cio che sei, senza affannarti a volerti e doverti sentire per forza di cose "uomo" o "donna", puoi tranquillamente far s? che in te convivano entrambe le componenti... Non affannarti a spiegarti il perche, a trovare motivazioni, soprattutto non hai nulla da giustificare, nulla per cui scusarti agli occhi degli altri! La vita ? tua, appartiene solo a te!
Sembra che a tutti i costi dobbiamo appartenere ad un'identit? precisa, ad un genere, ma chi l'ha detto?
Tu non sei uomo o donna, tu sei Kairos, con tutte le tue caratteristiche, punto e basta.
Buona fortuna!
 
utente Kairos

LellaPraticante
Eta':
Provincia': Terni
Citta': Terni
Risposte: 94
[ Venerdi, 8 Giugno 2012 13:56:29]
Hey... sono davvero felice per il sostegno che ricevo qui ... spesso siete motivo di ispirazione nella vita reale, dico sul serio!
 

1

2






Assistenza Servizi Portale

Assistenza servizi Tra Donne

Assistenza

Creazione siti web economici a Brescia
Hai bisogno di un sito internet professionale ed economico? Rivolgiti alla nostra web agency per richiedere un preventivo gratuito! Un nostro collaboratore ti seguira' passo dopo passo per la creazione del tuo sito web personalizzato.


pinterest
Pinterest Tra Donne