Coltivazione delle Piante Carnivore

volete coltivare delle ferocissime piante??

Articolo inserito da

Rafflesia

Eccomi a parlare delle Piante Carnivore, un genere piuttosto misterioso e poco comune di piante, ma dall'aspetto accattivante ed a volte splendido.


Le Piante Carnivore sono tutte originarie delle zone paludose, e non necessariamente dei paesi tropicali, ve ne sono anche qui in Italia.


La più comune è la Dionea Muscipula, la classica piantina con foglie a doppio labbro richiudibili. la Dionea è anche la più difficile da coltivare, ma vediamo come affrontare la sfida:


anzitutto la Dionea va assolutamente protetta dalle correnti d'aria, molto meglio metterla in un terrario bene illuminato, anche da una lampada tipo acquario, se necessario. Richiede piena luce ma MAI sole diretto, che la brucerebbe. Importantissima è la terra e l'acqua, per la prima ci vuole torba acida tipica delle zone paludose, NON assolutamente il classico Humus o terriccio per piante, ricco di calcio che è mortale per le piante carnivore. La Dionea esige vasi piuttosto piccoli, cambiare vaso solo ed esclusivamente se le radici fuoriescono dappertutto, ma mantenere sempre una dimensione minima. L'acqua deve sempre essere abbondante, anzi, il sottovaso deve sempre essere allagato, ma GUAI ad usare l'acqua del rubinetto, che è sempre un po' calcarea, bisogna assolutamente usare l'acqua piovana, pena la morte della pianta in meno di una settimana. L'acqua nel sottovaso manterrà sempre la terra fradicia ed attirerà anche le mosche e le zanzarine che la pianta catturerà.


Altro grosso problema con la Dionea...non bisogna MAI forzarla a chiudere i lembi delle foglie, anche se la tentazione è fortissima e lo spettacolo è incredibile. Si deve tenere conto che ogni fogliolina si può chiudere non più di 5-6 volte, dopodichè muore e la velocità di chiusura è tanto più elevata (quindi efficace per catturare le mosche) quanto è più sana la pianta.


MAI dare pezzettini di carne alle foglioline, pensando di fare cosa gradita alla pianta, si rischia solo di ucciderla per tutte le diavolerie contenute nella carne che mangiamo (polifosfati, estrogeni, ecc.), la Dionea è adattata solo ed esclusivamente per gli insetti, soprattutto le mosche o le zanzare.  In ogni caso la Dionea potrà vivere benissimo anche senza avere mai una mosca, si tenga presente che gli insetti digeriti non sono altro che un "integratore" alimentare, ma non sono strettamente necessari.


La Dionea in buona salute ha moltissime foglie nuove, l'interno delle foglie dovrebbe essere sempre di un bel rosso cupo, se il colorito è scarso vuol dire che non c'è luce sufficiente.


la Dionea si riproduce per divisione, e durante l'estate cresce abbastanza rigogliosamente, anche se manterrà una dimensione piuttosto contenuta.


Queste regole sono perfettamente valide anche per gli altri tipi di piante carnivore, come la Nephentes la più bella in assoluto ed anche la più grande, oppure come la classica Drosera, presente anche nelle paludi in Nord Italia.



Commenti Rubrica: Botanica
Letto 1396 volte
Commenti 2
19 Novembre 2008
Assistenza Servizi Portale

Assistenza servizi Tra Donne

Assistenza

Creazione siti web economici a Brescia
Hai bisogno di un sito internet professionale ed economico? Rivolgiti alla nostra web agency per richiedere un preventivo gratuito! Un nostro collaboratore ti seguira' passo dopo passo per la creazione del tuo sito web personalizzato.


Rubriche Lesbo